Lanzo / Viú / Lago di Malciaussia

luglio 25th, 2008|Categories: Itinerari|Tags: , , , |

KTM_Malciaussia_20080725_02

Penso che molti conoscano Viú, localitá delle Valli di Lanzo e che dá il nome ad una delle 3 valli (Val di Viú), ma forse pochi sanno quale posto meraviglioso ci sia dopo pochi chilometri ed un pó di fatica.

Mappa03_Viú

 

Arrivati a Lanzo (dalla SP1 che é la strada che parte da Venaria e costeggia la Mandria o dalla SP2 che unisce Caselle a Lanzo), si prende la strada che porta verso le valli (c’é un punto che le unisce tutte e 3) e poi si devia sulla sx sulla SP32. La strada che porta a Viú é molto bella, unisce tratti lenti e veloci, dove per buona parte é stato appena rifatto l’asfalto.

E’ un piacere guidare su questa strada. soprattutto in settimana quando non c’é praticamente nessuno, mentre durante il week-end, come succede su altre molte strade, é scambiata per un circuito dove i motociclisti vanno a sfogarsi.

La strada é pericolosa se non la si conosce (ci sono alcuni passaggi su ponti molto stretti e molti punti ciechi), ed é attentamente sorvegliata dalle Forze dell’Ordine (attenzione anche al pezzo tra Lanzo a l’inizio delle valli, il velox lí é di casa sempre). Se accettate un consiglio, godetevi la strada ed il panorama, senza strafare troppo … ve lo dice uno che é stato fermato per una sciocchezza ma a cui volevano stracciare la patente seduta stante. Poi si é risolto con una “tirata” d’orecchie, ma non sanno piú come far fronte alle orde barbariche che invadono valli e paesi.

Arrivati a Viú non c’é molto da fare o vedere, si prende un caffé, si fanno quattro chiacchiere con gli altri motociclisti ma molto di piú non c’é ed allora si prosegue, verso un posto di notevole bellezza ma che presenta qualche insidia a livello di guida.

Dopo Viú si va praticamente sempre dritto seguendo la strada principale (sempre SP32). Si passa il bivio per il Col del Lys e si va sempre avanti. Strada meno emozionante ma anche piú “tranquilla” per altri punti di vista. Andando avanti si trovano paesi e borgate, onestamente non mi sono mai fermato e non mi sembra esserci molto di interessante. Si arriva fino ad Usseglio, il paese piú grande dopo Viú che incontriamo sulla strada. Io qui faccio sempre una sosta, non c’é molto neanche qui ma mi rilasso prima di “arrampicarmi” verso la destinazione.

Attenzione, una volta c’era un distributore di benzina dopo Usseglio, ma da un pó non esiste piú, e l’ultimo si trova appena prima di Viú, se avete il serbatoio che suona vuoto, ricordatevi di riempirlo, perché poi dovete fare circa 50/60 Km tra andata e ritorno.

Lasciamo Usseglio, ad un certo punto c’é un cartello che indica Malciaussia 6Km, qui inizia il tratto piú delicato. Ci sono dei pezzi di strada praticamente a senso unico alternato (due macchine insieme non ci stanno), ma invece quando passiamo noi motociclisti é come se ingombro non ne avessimo e le macchine a volte non rallentano neanche un pó per farci passare.

Dopo poco inizia la salita, molto particolare, ricca di tornanti strettissimi, ma soprattutto con una pendenza notevole a salire (un pó tipo lo “scalone” per salire al Moncenisio, ma quella in confronto é un’autostrada !!!). La cosa é impegnativa, non si vede chi c’é dietro i tornanti e soprattutto con le stradali non é uno scherzo. Per fortuna (o sfortuna, visto che io adesso mi ci diverto) dura solamente 2/3 Km con anche alcuni pezzi di dritto. Alla fine della salita, si apre davanti a noi uno dei piú bei panorami che secondo me di possono vedere nelle valli di Lanzo da una strada aperta al traffico, mi emoziona tutte le volte che ci torno, e lo faccio molte volte all’anno quando la strada é aperta (transitabile solamente d’estate).

La strada finisce presso il Lago di Malciaussia, un lago articiale creato da una diga. Non molto esteso, ma ha il grandissimo pregio di non essere un posto cosí trafficato anche vista la strada (piú di un’automobile non arriva alla fine) ed é sempre abbastanza tranquillo. Se siete fortunati si riesce anche a vedere il Rocciamelone, e comunque il posto é molto bello per passare una giornata tranquilla magari a prendersi il sole in montagna. C’é un bar/ristorante con anche alcune camere, per gli appassionati di montagna penso partano alcuni percorsi ma essendo io molto pelandrone non ho mai indagato … ;)

Dopo essersi rilassati é ora di tornare a casa, la strada é quella dell’andata, ma i tornanti stavolta sono in discesa, e si vede benissimo chi sale, visto che di tornanti se ne vedono 3 o 4 tutti insieme !!! Non voglio intimorire nessuno, ma un pó di strizza é normale, soprattutto se non si é praticissimi di strade di montagna. Diciamo pure che non é il posto piú consigliato per imparare … ;)

KTM_Malciaussia_20080725_06

Come vedete dalle foto io ho trovato una giornata abbastanza grigia, ma il giro merita comunque anche se non vorrei mai trovare la pioggia.